lunedì 30 aprile 2012

Crowdfunding per il terzo disco dei Cobol Pongide: Musica per Colonie Extrasolari.

Per la nostra campagna di crowdfunding (o crowd funding) ci siamo avvalsi della piattaforma Produzioni dal Basso.
Produzioni dal Basso
Il crowdfunding e' una forma di microfinanziamento in cui chi propone un progetto (artistico, politico, sociale, eccetera) chiede a coloro che potrebbero essere interessati all'iniziativa d'anticipare i soldi del progetto in cambio di quote del progetto stesso e d'incentivi in caso d'acquisto di piu' quote.

Qui puoi accedere alla pagina del microfinanziamento del disco Musica per Colonie Extrasolari


Segue la presentazione del progetto e il sistema d'incentivi e di benefit per l'aqcuisto di piu' copie e il sostegno al progetto.


CHI SIAMO E COSA VOGLIAMO DA VOI


Cobol Pongide e' un gruppo di toy music (musica suonata con giocattoli. Del tutto o quasi esclusivamente).
Ci affidiamo al crowdfunding per realizzare il nostro terzo disco "Musica per Colonie Extrasolari".


Sebbene la colonizzazione di mondi extrasolari sia un traguardo ancora piuttosto lontano (vedi questo post su questo blog), a noi, almeno musicalmente, piace portarci avanti col lavoro.
Amiamo citare l'adagio popolare: "Anche in caso di viaggi spaziali di considerevoli distanze da qualche parte bisogna pur iniziare".
Questo detto ancora non esiste ma un giorno esistera'.


Il disco conterra' 13/15 musiche e complessivamente ci occorrono 2000 euro per realizzarlo e promuoverlo. Ogni cd costera' 5.00 euro (spese di spedizione escluse) per un totale di 400 quote.


Sulle spese di spedizione:
1 - 3 quote: 2 euro;
4 - 10 quote: 3 euro;
11 - infinito: 10.00.


Consegna a mano senza spedizione su Roma (mettendosi d'accordo su un luogo ragionevole dove incontrarsi - no Roma Nord per pieta' - oppure al primo live nella vostra zona).


Il sito su cui e' possibile vedere il nostro progetto e' questo: www.cobolpongide.org


Il canale youtube su cui vedere i nostri video: http://www.youtube.com/user/cobolpongide 


Ci potete leggere anche su di un blog: www.cobolpongide.blogger.com 


O su Twitter: http://twitter.com/#!/cobolpongide 


Contatto cobol[[chiocciola]]cobolpongide[[punto]]org 


I nomi dei finanziatori appariranno in un apposito spazio del sito cobolpongide.org (se il progetto sara' finanziato ovviamente).



QUOTE: SOSTENITORI


1 quota:
- 1 cd;
- spilletta "I love Cobol Pongide".


2 quote:
- 2 cd;
- spilletta "I love Cobol Pongide";


3 quote:
- 3 cd;
- spilletta "I love Cobol Pongide";
- copia pirata "Musica per Anziani Cosmonauti" (il nostro primo cd).


4 quote:
- 4 cd;
- spilletta "I love Cobol Pongide";
- copia pirata "Musica per Anziani Cosmonauti" (il nostro primo cd);
- due ghost tracks.


5 quote:
- 5 cd;
- spilletta "I love Cobol Pongide";
- copia pirata "Musica per Anziani Cosmonauti" (il nostro primo cd);
- 2 ghost tracks.
- foto polaroid con rigraziamenti personalizzati da parte di Emiglino Cicala (il nostro cantante) da utilizzare come lascia passare in caso di ribellione robotica o anche solo come foto ricordo se la ribellione non ci dovesse mai essere (non trasferibile).


6 quote:
- 6 cd;
- spilletta "I love Cobol Pongide";
- copia pirata "Musica per Anziani Cosmonauti" (il nostro primo cd);
- 2 ghost tracks;
- suoneria in .mp3 (te la inviamo dopo che hai ricevuto il cd e ci dici quale pezzo vuoi trasformato in suoneria).


7 quote:
- 7 cd;
- 2 spillette "I love Cobol Pongide";
- copia pirata "Musica per Anziani Cosmonauti" (il nostro primo cd);
- 2 ghost tracks;
- suoneria in .mp3 (te la inviamo dopo che hai ricevuto il cd e ci dici quale pezzo vuoi trasformato in suoneria);
- 1 giocattolo a nostra scelta con la spiegazione del perche' l'abbiamo scelto per te [la spiegazione a richiesta puo' anche avvenire di persona a Roma (in zona ragionevole - no Roma Nord) o via Skype].


8 quote:
- 8 cd;
- 2 spillette;
- copia pirata "Musica per Anziani Cosmonauti" (il nostro primo cd);
- 2 ghost tracks;
- suoneria originale in .mp3 (pero' potrebbe anche non piacerti);
- cd campioni bending panorami sonori (se vuoi fare il fico coi tuoi campioni di circuit bending senza respirare il piombo delle saldature: lo respireremo noi per te).


9 quote:
- 9 cd;
- 2 spillette "I love Cobol Pongide";
- copia pirata "Musica per Anziani Cosmonauti" (il nostro primo cd);
- 2 ghost tracks;
- suoneria personale in .mp3 (pero' potrebbe anche non piacerti);
- cd campioni bending panorami sonori (se vuoi fare il fico coi tuoi campioni di circuit bending senza respirare il piombo delle saldature: lo respireremo noi per te);
- 1 giocattolo a nostra scelta con la spiegazione del perche' l'abbiamo scelto per te [la spiegazione a richiesta puo' anche avvenire di persona a Roma (in zona ragionevole - no Roma Nord) o via Skype].


10 quote:
- 10 cd;
- 2 spillette "I love Cobol Pongide";
- cd pirata "Musica per Anziani Cosmonauti" (il nostro primo cd);
- 2 ghost tracks;
- suoneria personale in .mp3 (pero' potrebbe anche non piacerti);
- cd campioni bending panorami sonori (se vuoi fare il fico coi tuoi campioni di circuit bending senza respirare il piombo delle saldature: lo respireremo noi per te);
- 1 giocattolo a nostra scelta con la spiegazione del perche' l'abbiamo scelto per te [la spiegazione a richiesta puo' anche avvenire di persona a Roma (in zona ragionevole - no Roma Nord) o via Skype].


QUOTE: ASSOLUTAMENTE SOSTENITORI


11 quote:
- 10 cd;
- 2 spillette "I love Cobol Pongide";
- 1 cd originale "Musica per Anziani Cosmonauti" (il nostro primo cd);
- 2 ghost tracks;
- suoneria personale in .mp3 (se non ti piace te la rifacciamo un'altra volta);
- cd campioni bending panorami sonori (se vuoi fare il fico coi tuoi campioni di circuit bending senza respirare il piombo delle saldature: lo respireremo noi per te);
- 1 giocattolo a nostra scelta con la spiegazione del perche' l'abbiamo scelto per te [la spiegazione a richiesta puo' anche avvenire di persona a Roma (in zona ragionevole - no Roma Nord) o via Skype].
- ti ridiamo qualcosa che ci avevi prestato e che non ti abbiamo mai ridato;
- almeno una serata estiva e stellata passata a parlare di fisica astronomica (zona Roma - Roma nord esclusa).


12 quote:
- 11 cd;
- 2 spillette ("I love Cobol Pongide" se te ne serve un'altra nessun problema);
- 1 cd originale "Musica per Anziani Cosmonauti" (il nostro primo cd);
- 2 gosth tracks;
- suoneria personale in .mp3 (se non ti piace te la rifacciamo un'altra volta);
- cd campioni bending panorami sonori (se vuoi fare il fico coi tuoi campioni di circuit bending senza respirare il piombo delle saldature: lo respireremo noi per te);
- 1 giocattolo a nostra scelta con la spiegazione del perche' l'abbiamo scelto per te [la spiegazione a richiesta puo' anche avvenire di persona a Roma (in zona ragionevole - no Roma Nord) o via Skype]
- una lezione introduttiva al circuit bending in zona Roma (tutte le zone ma no Roma Nord, semmai si fa da noi);


13 quote:
- 12 cd;
- 2 spillette ("I love Cobol Pongide" se te ne serve un'altra nessun problema);
- 1 cd originale "Musica per Anziani Cosmonauti" (il nostro primo cd);
- 2 ghost tracks;
- suoneria personale in .mp3 (se non ti piace te la rifacciamo un paio di volte);
- cd campioni bending panorami sonori (se vuoi fare il fico coi tuoi campioni di circuit bending senza respirare il piombo delle saldature: lo respireremo noi per te);
- 1 giocattolo a nostra scelta con la spiegazione del perche' l'abbiamo scelto per te [la spiegazione a richiesta puo' anche avvenire di persona a Roma (in zona ragionevole - no Roma Nord) o via Skype].
- una lezione introduttiva al circuit bending in zona Roma (tutte le zone ma no Roma Nord, semmai si fa da noi); - ci vediamo o ci sentiamo e ci scambiamo un sacco di musica assurda e di film ancora piu' assurdi;
- ti regaliamo della cioccolata (si in effetti la compriamo con i tuoi soldi).


14 quote:
- 13 cd;
- 2 spillette ("I love Cobol Pongide" se te ne serve un'altra nessun problema);
- 1 cd originale "Musica per Anziani Cosmonauti" (il nostro primo cd);
- 2 ghost tracks;
- suoneria personale in .mp3 (se non ti piace te la rifacciamo un paio di volte);
- cd campioni bending panorami sonori (se vuoi fare il fico coi tuoi campioni di circuit bending senza respirare il piombo delle saldature: lo respireremo noi per te);
- 1 giocattolo a nostra scelta con la spiegazione del perche' l'abbiamo scelto per te [la spiegazione a richiesta puo' anche avvenire di persona a Roma (in zona ragionevole - no Roma Nord) o via Skype].
- una lezione introduttiva al circuit bending in zona Roma (tutte le zone ma no Roma Nord, semmai si fa da noi);
- ci facciamo il tour ufologico notturno a Roma (Roma nord esclusa che neanche gli alieni la visitano).


15 quote:
- 14 cd;
- 2 spillette ("I love Cobol Pongide" se te ne serve un'altra nessun problema);
- 1 cd originale "Musica per Anziani Cosmonauti" (il nostro primo cd);
- 3 ghost tracks;
- suoneria personale in .mp3 (se non ti piace te la rifacciamo un paio di volte);
- cd campioni bending panorami sonori (se vuoi fare il fico coi tuoi campioni di circuit bending senza respirare il piombo delle saldature: lo respireremo noi per te);
- 1 giocattolo a nostra scelta con la spiegazione del perche' l'abbiamo scelto per te [la spiegazione a richiesta puo' anche avvenire di persona a Roma (in zona ragionevole - no Roma Nord) o via Skype].
- ti facciamo conoscere un amico con cui potresti andare d'accordo;
- una lezione introduttiva al circuit bending in zona Roma (tutte le zone ma no Roma Nord, semmai si fa da noi); - animazione 3D personalizzata con musichina originale che ci fai quel che ti pare;
- Emiglino si lascia pilotare da te. Se sei di Roma quando vuoi, oppure appena vieni a Roma oppure ancora non appena noi veniamo da te.


16 quote:
- 15 cd;
- 2 spillette ("I love Cobol Pongide" se te ne serve un'altra nessun problema);
- 1 cd originale "Musica per Anziani Cosmonauti" (il nostro primo cd);
- 3 ghost tracks;
- suoneria personale in .mp3 (se non ti piace te la rifacciamo un paio di volte);
- cd campioni bending panorami sonori (se vuoi fare il fico coi tuoi campioni di circuit bending senza respirare il piombo delle saldature: lo respireremo noi per te);
- 1 giocattolo sonoro con spiegazione del motivo per cui te lo regaliamo [ci si sente via telefono].
- una lezione introduttiva al circuit bending in zona Roma (tutte le zone ma no Roma Nord, semmai si fa da noi);
- animazione 3D personalizzata con musichina originale che ci fai quel che ti pare;
- ci facciamo il tour ufologico notturno a Roma (Roma nord esclusa che neanche gli alieni ci vanno);
- se ti va vieni a cantare con Emiglino in un live dei Cobol Pongide.
- c'impegnamo a farti inviare un messaggio nello spazio nella direzione dell'esopianeta piu' vicino (e puoi dire quello che vuoi). In alternativa andiamo a farci il bagno alle pozzanghere di Viterbo e ti paghiamo il biglietto del treno Roma-Viterbo.


17 quote:
- 16 cd;
- 3 spillette "I love Cobol Pongide";
- 1 cd originale "Musica per Anziani Cosmonauti" (il nostro primo cd);
- 3 ghost tracks;
- suoneria personale in .mp3 (se non ti piace te la rifacciamo un paio di volte);
- cd campioni bending panorami sonori - alcuni esclusivi - (se vuoi fare il fico coi tuoi campioni di circuit bending senza respirare il piombo delle saldature: lo respireremo noi per te);
- 1 giocattolo sonoro con spiegazione del motivo per cui te lo regaliamo [ci si sente via telefono].
- una lezione introduttiva al circuit bending in zona Roma (tutte le zone ma no Roma Nord, semmai si fa da noi);
- animazione 3D personalizzata con musichina originale che ci fai quel che vuoi;
- un disegno originale del Dott. Pira;
- se ti va c'incontriamo a Perugia e ci facciamo un sacco di giri sul minimetro'.


18 quote:
- 17 cd;
- 3 spillette "I love Cobol Pongide" (se te ne serve un'altra nessun problema);
- 1 cd originale "Musica per Anziani Cosmonauti" (il nostro primo cd);
- 3 ghost tracks;
- suoneria personale in .mp3 (se non ti piace te la rifacciamo un paio di volte);
- cd campioni bending panorami sonori - alcuni esclusivi - (se vuoi fare il fico coi tuoi campioni di circuit bending senza respirare il piombo delle saldature: lo respireremo noi per te);
- 1 giocattolo sonoro con spiegazione del motivo per cui te lo regaliamo [ci si sente via telefono]. Se vuoi te lo modifichiamo;
- una lezione introduttiva al circuit bending in zona Roma (tutte le zone ma no Roma Nord, semmai si fa da noi);
- animazione 3D personalizzata con musichina originale che ci fai quel che ti pare;
- musichina esclusiva a te dedicata, col titolo che ti pare e pubblicata sul nostro sito.


19 quote:
- 19 cd; v - 3 spillette "I love Cobol Pongide";
- 1 cd originale "Musica per Anziani Cosmonauti" (il nostro primo cd);
- 3 ghost tracks;
- musicassetta del disco;
- suoneria personale in .mp3 (se non ti piace te la rifacciamo un paio di volte);
- cd campioni bending panorami sonori - alcuni esclusivi - (se vuoi fare il fico coi tuoi campioni di circuit bending senza respirare il piombo delle saldature: lo respireremo noi per te);
- 1 giocattolo sonoro con spiegazione del motivo per cui te lo regaliamo [ci si sente via telefono]. Se vuoi te lo modifichiamo;
- una lezione introduttiva al circuit bending in zona Roma (tutte le zone ma no Roma Nord, semmai si fa da noi); - animazione 3D personalizzata con musichina originale che ci fai quel che ti pare;
- musichina esclusiva a te dedicata, col titolo che ti pare e pubblicata sul nostro sito;
- top nella lista finanziatori.


20 quote:
- 20 cd;
- 4 spillette "I love Cobol Pongide";
- 3 ghost tracks;
- 1 cd originale "Musica per Anziani Cosmonauti" (il nostro primo cd);
- musicassetta del disco;
- suoneria personale in .mp3 (se non ti piace te la rifacciamo un paio di volte);
- cd con molti campioni di bending panorami sonori - alcuni esclusivi- (se vuoi fare il fico coi tuoi campioni di circuit bending senza respirare il piombo delle saldature: lo respireremo noi per te);
- 1 giocattolo sonoro con spiegazione del motivo per cui te lo regaliamo [ci si sente via telefono]. Se vuoi te lo modifichiamo;
- una lezione introduttiva al circuit bending in zona Roma (tutte le zone ma no Roma Nord, semmai si fa da noi);v - animazione 3D personalizzata con musichina originale che ci fai quel che ti pare;
- musichina esclusiva a te dedicata, col titolo che ti pare e pubblicata sul nostro sito;
- top nella lista finanziatori;
- se ti va vieni a cantare con Emiglino in un live dei Cobol Pongide.


21 quote o superiori:
- Si certo... sentiamoci.


IMPORTANTE:


I tempi di realizzazione del disco e del materiale accessorio potrebbero subire delle variazioni. Due mesi minimo dall'eventuale finanziamento del progetto.
I finanziatori saranno periodicamente aggiornati ma non assillati.


C'e' flessibilita' da queste parti: e' possibile su richiesta effettuare operazioni combinatorie sulle quote, da concordare preventivamente con i Cobol Pongide.
Si valutano anche quote miste denaro/giocattoli/biscotti al cioccolato, da concoradare con gli stessi alla mail sopra indicata.


COME PRENOTARE LE QUOTE:


1. Cliccate sul tasto “SOSTIENI”;


2. Si aprirà una nuova pagina dove potrete inserite il numero di quote che volete prenotare. Ogni quota costa 5,00 Euro (spese di spedizione escluse);


3. Dopo aver scelto il numero di quote che volete prenotare (sempre sulla stessa pagina) effettuate la registrazione al sito. E’ necessario inserire un indirizzo EMAIL valido, un “USER NAME” ovvero un nome che vi identifichi e una password a vostra scelta che dovrete inserire due volte. Ricordatevi di “spuntare” l’adesione ai dati personali sotto il campo “PASSWORD”;


4. Inserite poi i vostri dati: nome, cognome, indirizzo, città, stato e C.A.P.;


5. Premete il tasto "INVIA" in fondo alla pagina, per confermare la vostra prenotazione;


6. Riceverete una mail di conferma della prenotazione delle QUOTE. SE NON VEDETE LA MAIL, GUARDATE NELLA CARTELLA "SPAM". A mail ricevuta, dovrete cliccare sul link presente nella stessa per confermare la vostra prenotazione;


7. Solo quando tutte le quote del CD saranno prenotate dai sostenitori, vi sarà automaticamente inviata una mail al vostro indirizzo, con le coordinate per riscattarle attraverso paypal o altro mezzo d'intermediazione.


Qui puoi accedere alla pagina del microfinanziamento del disco Musica per Colonie Extrasolari

domenica 29 aprile 2012

Perchè comprare il terzo disco dei Cobol Pongide "Musica per Colonie Extrasolari"



E' inutile che ci si giri intorno: con questo post dobbiamo convincervi ad acquistare il nostro terzo e nuovo disco "Musica per Colonie Extrasolari" su cui stiamo proprio in questo momento lavorando.
Foto di Metal 409 @ Nolebol Festival
Ora, se queste poche incisive parole vi hanno gia' convinti potete saltare il resto e andare qui dove troverete tutte le istruzioni relative alla "promessa d'acquisto".
Altrimenti bisogna che seguiate il ragionamento che fa leva sui vostri sensi di colpa.

Quanto e' anomalo il nostro Sistema Solare?

Parecchio se lo confrontiamo con tutti quelli finora individuati con osservazioni piu' o meno dirette (generalmente l'eccentricita' del moto delle stelle segnala pianeti che vi orbitano intorno).
Per iniziare il nostro sistema ha una sola stella, il Sole, mentre mediamente le stelle orbitano almeno in coppia (binarie).
Inoltre i nostri giganti gassosi Giove e Saturno si trovano nella periferia del sistema mentre in molti altri sistemi pianeti gassosi giganti come Giove orbitano molto vicini alla loro stella.

Si certo ma non potremo mai fondare colonie extrasolari su pianeti gassosi. Quindi?
No, infatti.
I pianeti giganti sono quelli piu' facilmente individuabili (perche' con massa maggiore che decentra maggiormente la stella intorno a cui orbitano) pero' le tecniche di rilevazione attuali stanno iniziando a mostrarci pianeti cosiddetti terrestri (molto piu' piccoli dei gassosi) orbitanti intorno a stelle lontane. 
Ovviamente non li riusciamo a vedere ma sappiamo che ci sono.
Di alcuni di loro sappiamo anche che si trovano, rispetto al tipo di stella a cui appartengono, nella cosiddetta zona abitabile, ovvero ad una distanza in cui l'acqua, se presente, potrebbe essere allo stato liquido. Questa condizione per quel che ne sappiamo e' indispensabile per lo sviluppo della vita.

Ma che tipo di vita? 

Ah boh! Le uniche circostanze che c'incoraggiano a sperare provengono dallo studio dei cosiddetti organismi estremofili qui sulla Terra; estremofili, ovvero organismi che, residenti in condizioni ambientali per altri esseri inospitali e nocive, vivono e proliferano. Ad esempio in acque acide, o intorno alle bocche dei vulcani subacquei a temperature a cui era impensabile, fino a qualche tempo fa, sperare di trovare vita.
 Eppure c'e'. 

Che probabilita' ci sono che si sia sviluppata vita su questi pianeti lontani?

C'e' una
equazione detta di Drake (non proprio un'equazione ma cosi' e' chiamata) forse un po' "ingenua" che pero' aiuta a stabilire statisticamente quante civilta' ci potrebbero essere nell'universo.
Ora le variabili sono molte e molte sono inconoscibili. Tuttavia da quando sappiamo qualcosa di piu' sui pianeti extrasolari l'equazione e' divenuta un po' piu' precisa. 
Qui sulla Terra un gruppo di scienziati sta cercando la prova che la vita possa aver avuto inizio in modi alternativi (oggi magari estinti o integrati dal modello vincente) il che renderebbe ancora piu' probabile una "certa facilita'" con cui la vita tenderebbe ad emergere e a manifestarsi.
Questa sarebbe un'ottima informazione per calibrare meglio l'equazione di Drake.  
Al momento i risultati sono pero' sconfortanti.

Si ma comunque qui non stiamo parlando d'alieni. No?
No infatti. qui la questione e' la possibilita' di fondare colonie terrestri extrasolari. 
Allo stato attuale della ricerca il pianeta piu' vicino alla Terra collocato probabilmente nella cosiddetta zona abitabile dista circa quattro anni luce. Niente, troppo distante anche per il nostro mezzo attualmente piu' veloce: il Pioneer I che sfreccia ormai ai confini del nostro sistema solare.
Vabbe' diciamo pure che con la classica propulsione e viaggio balistico non arriveremo proprio da nessuna parte. 
Ma questo e' un dettaglio perche' e' abbastanza certo che la forma e la fisica dell'universo possano presentare modi diversi d'attraversare lo spazio. Bisogna solo trovarli o inventarli. Magari non e' detto che ci portino laddove volevamo andare.
Io ho sempre sognato di proferire questa frase da film che mi piace tanto:     
"Mi trovo esattamente dove volevo essere". Non l'ho mai fatto. Ma ho divagato.
Insomma ci sono effettivamente un po' di problemi da risolvere. Tra cui il fatto che io divago spesso. 

Ma qui non si parlava di portarsi avanti il lavoro?

Esattamente!
Io non lo so quanto ci metteremo a raggiungere e terraformare il nostro prossimo pianeta. Ma non e' questo il punto. Il punto semmai e' che se da qualche parte iniziamo impegnandoci, prima o poi, forse, ci arriveremo.
Vorreste forse un giorno ammettere a voi stessi che il programma spaziale e' impensabilmente arretrato anche per colpa vostra? E se il Sole dovesse iniziare ad espandersi prima del previsto e non avessimo dove trasferirci?
E se il nostro pianeta diventasse obiettivo di cupidigia di specie aliene senza scrupoli? Non vorreste vivere altrove? E se il pianeta iniziasse ad essere abitato solo da brutte persone, non lo vorreste rifondarlo da qualche altra parte, voi che siete persone splendide?
Noi Cobol Pongide vogliamo fare la nostra parte senza sottrarci alle nostre responsabilita'. 
Voi  fate la vostra di parte e comprate "Musica per Colonie Extrasolari" a 5.00 euro (spese di spedizione escluse).

Pre acquista "
Musica per Colonie Extrasolari" su Produzioni dal Basso e tanto che ci sei vediti pure gli incentivi per chi ne acquista piu' di una copia. 





martedì 24 aprile 2012

Le spillette "I love Cobol Pongide"

Ecco le spillette in tutto il loro splendore fotografico.
Il concept originale e' di Sara D'Uva. 




lunedì 23 aprile 2012

Pressione sotterranea: intervista ai Cobol Pongide di Federico Lanzi


Intervista di Pressione Sotterranea ai Cobol Pongide (20 aprile 2012)


P. S.: come state?

C. P.: in modi diversi dovendo rispondere in diverso modo alle pressioni dell'ambiente. Per dirtene una, io al sole mi scurisco mentre Emiglino s'ingiallisce e il suo e' un processo quasi irreversibile. Comunque povero, gia' un po' s'ingiallito con gli anni.

P. S.: ci riprovo: vi piace la vostra vita?

C. P.: ci siamo accorti che resistere al flusso e' molto utile. Puoi evitare di fare sport.
Poi ci sono le tastierine giocattolo che ci danno tanti problemi ma anche tante soddisfazioni.


P. S.: allora mi chiedo: perche' complicarsela ulteriormente, la vita intendo, suonando giocattoli?

C. P.: credo ci debba essere qualcuno o qualcosa per cui provi quello che definiscono "amore incondizionato". Se lo provi per piu' di 5-6 cose o persone sei automaticamente segnalato alla de servorum beatificatione et beatorum canonizatione.
In fase di registrazione le tastierine presentano problemi tutto sommato risolvibili, mentre nei live ci siamo un po' semplificati la vita usando un sequencer.
Non so, inizialmente c'era presa una strana malattia: i live dovevano essere rigorosamente suonati senza sequencer. Generalmente arrivavamo a fare due pezzi poi perdevamo completamente il controllo sull'apparecchiatura.
Sono strumenti che non hanno monitor, midi, feedback sulle modalita' di comando. Molti poi hanno anche l'auto power off.
Poi ci dovevamo portare due enormi valige di roba. Adesso ci basta uno zaino grosso.
Ora va bene. Siamo guariti.


P. S: quali sono stati gli ascolti che hanno ispirato la vostra musica?

C. P.: sono diversi per me e Emiglino. Quando lui e' a casa con me ascolta quello che ascolto io ma di suo lui adora esclusivamente Gli impossibili.
Io ultimamente ascolto molta new wave. Questi giorni, tanto per lanciare dei nomi nuovi, mi ascoltavo Kaleidoscope dei Siouxsie and the Banshees.

Io adoro John McGeoch e si sente.
E' morto. Avrei voluto fare qualcosa per lui.



P. S.: quindi ecco la domanda difficile: che genere fate?

C. P.: io ti direi che facciamo una specie di new wave suonata con giocattoli e console di gioco. Cioe' io suono con modalita' che canonicamente appartengono alla new wave.
Dovendo dare una definizione piu' precisa ti direi Toy music che e' un genere trasversale (come la fantascienza) caratterizzato piu' dagli strumenti che usi che dal modo in cui suoni (cosi' come se prendi la storia di un portalettere e l'ambienti su un pianeta che non sia la Terra hai fatto fantascienza).
Poi negli anni ci hanno dato anche altre etichette:
- toy synthesizer approach;
- melan-comic music;
- musica di natale.
Io ti direi anche Micromusic anche se non credo che i fan del genere apprezzerebbero piu' di tanto. Ma questa e' tutta un'altra storia.  


P. S.: dove trovate i vostri strumenti?

C. P.: in realta' un po' ovunque. Ci sono i mercati dell'usato, le discariche, i cassonetti, i figli d'amici. Qualche cosa piu' ricercata l'abbiamo presa su Ebay in passato. Poi praticamente su tutto quello che ci arrivava la dogana ci metteva sopra una tassa soggettiva alcune volte doppia rispetto al prezzo d'acquisto e quindi abbiamo chiuso l'account Ebay.
Molti dei nostri strumenti li modifichiamo cio' facciamo circuit bending.

P. S.: c'e' una certa idiosincrasia tra la musica del disco e i live: qual'e' la vostra vera natura?

C. P.: si, live a Emiglino piace proporre uno spettacolo piu' carnale che non sia solo quello di due tipi che suonano musica standosene fermi nella loro postazione. Ci piace il contatto e lo scontro con il pubblico. Io ci ho preso un po' di gomitate e Emiglino e' addirittura stato rapito una volta. Ma poi e' tutto finito bene.
Quanto alla musica: i pezzi che abbiamo su disco li suoniamo abbastanza simili anche live. I pezzi che portiamo esclusivamente live sono un po' piu' duri e probabilmente non finiranno mai su di un disco.
Live portiamo anche la cover della Tartaruga di Bruno Lauzi.
Ci siamo uccisi per fare quella cover e poi ci siamo accorti che e' una canzone che conoscono in pochissimi.    


P. S.: io sono allora tra i pochi. Mi hai detto che state lavorando sul disco nuovo: cosa ci dobbiamo aspettare?

C. P.: tanto per iniziare un disco abbastanza diverso dai precedenti. A me pare piu' pop  e piu' orientato alla canzone rispetto sopratutto al primo: Musica per Anziani Cosmonauti.
Stiamo lavorando anche con strumenti non giocattolo e questa volta l'apporto di Emiglino sara' piu' da strumentista che da cantante front-bot.
Prevediamo di uscire per l'inizio del prossimo inverno e ci piacerebbe farlo in crowdfunding.


P. S.: musica diversa quindi e anche progetti diversi rispetto al passato?

C. P.:  musica diversa ma coerente con una possibile "evoluzione" di cio' che finora e' stato. Quanto ai progetti: io sto lavorando ad una sorta di reading sonorizzato con Romano Talone sui cosmonauti e ad una missione d'invio di musica codificata nello spazio; quest'ultima cosa coordinata da Emiglino.
C'e' in vista anche la sonorizzazione di un mediometraggio e poi come al solito il disco sara' accompagnato da video didattico esplicativi.
Insomma la vita di sempre. 



F. L. (per Pressione Sotterranea)
     

Le foto aggiunte solo in questa versione sul nostro blog (non contenute nell'intervista originale) sono di Metal 409 @ Nolebol Festival (2012).  

Something is broken - dei Cobol Pongide


Ecco che periodicamente si riaffaccia Aldo Lomax con le sue rappresentazione metaforiche.

Ci sono fratture rispetto ai lavori del passato.
La rappresentazione si smonta e si rimonta simboleggiando, anche, il vigore dell'impeto futurista.

Poi c'e' ovviamente il Cubo di Rubik risolto nella sua modalita' piu' ovvia e agognata.
Insomma lo si legga come si vuole, questo e' Something is broken dei Cobol Pongide un breve lavoro minimalista in stile cubista.


giovedì 19 aprile 2012

Il peggior ingaggio della mia vita - di Cobol


Ci sono cose che vedi e che senti e dici: "si vede che chi l'ha fatto aveva l'urgenza di raccontare o di parlare di questa storia". L'urgenza.
Altre volte le cose le fai per motivi ignoti anche a te stesso. Magari per i soldi (mi suggeriscono giustamente).
Anche questa cosa che ho fatto non e' esattamente una di quelle che dici: "sono evidentemente venuto al mondo per farla". E' raro che mi metta a lavorare con attori in fiction ma qui la cosa era quasi commissionata.
La potete vedere qui e s'intitola Il peggior ingaggio della mia vita.

Era quest'estate (una strana estate). In sequenza c'era stato:
- Il peggior ingaggio della mia vita (e mi son fatto vari bagni in varie piscine);
- uno scantinato a Geologia (dove ho capito di essere un pallido pallino blu);
- un romanzo da scrivere con Edoardo (che mi ha reso un po' precog).

Ma davvero non voglio farla troppo lunga.

C'e' un racconto di Philip Dick che lessi alcuni anni fa e di cui non ricordo il titolo. Era tra i suoi racconti brevi e al momento proprio non ricordo altro. Mi ricordo pero' molto bene la storia.
Ad un certo punto di questa strana estate, stavo dicendo, mi arriva la proposta di girare un cortissimo (tre minuti) utilizzando esclusivamente un telefono Sony Ericsson Xperia Arc da inviare in modo dimostrativo al Festival di Venezia nel Circuito Off.
Bene ho scelto di cimentarmi proprio nel campo della fantascienza ricordando il racconto di Dick che tanto mi piacque a cui il corto e' liberamente ispirato.

Da quel che ne so, il corto funziono' tanto che venne pubblicato sulle pagine di Wired Italia.
Ne usci' anche questa intervista su Comunità digitali.
Poi cadde nel dimenticatoio proprio perche' quell'estate fu davvero strana.

A un bel po' di mesi di distanza lo ripubblico sulla mia pagina Youtube perche' delle cose buone c'erano.

In teoria, ad esempio, non si sarebbe potuta usare la postproduzione ma solo un semplicissimo montaggio. La soluzione che trovai per i titoli di coda mi piace davvero tanto (dall'altra parte del rullo metallico c'e' mio cugino che poggia i fogli).

Ho usato attori che mi son piaciuti tanto: Valentina Marziali per iniziare (la protagonista), secondo me assolutamente improbabile nella parte della killer e quindi praticamente perfetta. Un cameo di Romano Talone improbabile come sempre e quindi sempre perfetto.
Poi c'e' stato l'aiuto indispensabile di Luca Massidda e quello del gia' menzionato Mio Cugino.

Poi ci sono gli oggetti: l'Ericofon (telefono cult degli anni Sessanta proprio della Ericsson - ma quelli della Ericsson neanche se ne sono accorti). Il Telecran, giocattolo vettoriale (molto bello) degli anni Ottanta. Il Virtual Boy.

Ci sono poi i posti. Tutto girato nella parte piu' fantascientifica di Roma ma dato che non avevo i permessi ne citero' solo uno a cui sono molto affezionato: Tor Tre Teste.

Poi ci sono gli amici che hanno partecipato nella scena di massa: Cristiano, Simona, Emma, Tonino. Una massa appunto.

E poi mi piacciono anche le musiche che abbiamo al solito composto io e Emiglino Cicala esclusivamente con una Bontempi
Ht 323.12.

Ora, a dire il vero la storia non si capisce benissimo... bisogna stare molto attenti. Ma magari non si capisce comunque. Potrei provare a spiegarla ma sarebbe come ammettere il proprio fallimento. Cioe' io lo posso pure ammettere il mio fallimento ma e' che in realta' non mi va piu' di scrivere adesso.

Baci e abbracci.

mercoledì 18 aprile 2012

Cobol Pongide - Toy music band


COBOL PONGIDE is a human-robot band featuring Cobol and Emiglino Cicala.
Their music [toy music, micromusic, chiptune, indietronic] is inspired by retrofuture, sci-fi, viewmaster, lonely robots and orphan children.
Cobol [the human member] is a graduate of the Prague Institute for Harmonic, Dynamic and Kinematics Arts.

Cobol plays toy keyboards [for example: Bontempi, Casio, Chicco, Letron, Medeli, Yamaha, etc.], old home computers/console [for example: Commodore 64, Gameboy (Nanoloop cartridge)] and self-made circuit bended machines.















Emiglino Cicala [the robotic member] was programmed at the Giochi Preziosi TM laboratory, in Milan, Italy.
Emiglino is the frontbot, the lead singer, in e
quivalent human terms.
He sings by means of a black wire plugged into his plastic head.

















Emiglino write the lyrics about sad orphan planets and everyday life herbivorous sauropods. Sometimes his lyrics are against dome
stic works.
Cobol Pongide loves cosmologic events and this passion become obvious in their songs and 3D videos shot for the cosmonautic academies in Zvezdny Gorodok and Pleseck.

In 2011 Cobol Pongide are appointed official band for the sonorization in 2021 Mars mission with human crew.


Link

- Cobol Pongide - Official band website;
- Facebook - Facebook page;
- Facebook - Facebook fanpage;
- Youtube - Youtube Channel
- Flickr - Flickr page
- Twitter - Twitter page




domenica 15 aprile 2012

Ma chi sono gli alieni meccatronici?


Questo video l'abbiamo fatto per un programma televisivo che si chiama Top 5 di Rai 5.
La versione qui caricata [questo verde qui accanto e' un link a youtube] e' un po' diversa da quella andata in onda. Ma io preferisco quella a due schermi col secondo che fornisce informazioni con lo stile delle telescriventi. Sara' pure un classico ma funziona sempre.
Insomma tutto cio' per dire che io di mio non l'avrei fatto questo video, ma poi alla fine mi son divertito a farlo in una torrida estate romana.
Era agosto e mi avevano rotto il bocchettone della benzina del motorino e cosi' mi sono fatto chilometri a piedi sotto il sole per circa un mese. Insomma ci dovrebbe essere pure un po' d'etica e di forma nel rubare la benzina... non rompere il bocchettone che non ce n'e' bisogno. Fortunatamente nel progetto era coinvolto pure il mio amico Edoardo (anche lui con un suo video per Top 5) e mi ha un po' scarrozzato con il suo di motorino.
Avrei divagato se non dicessi che non ho ragioni per credere che il motorino si sia autosabotato.

Mi piacerebbe affrontare seriamente la questione di come poter abitare il futuro (Lo dico perche' il video in questione s'intitola "Le cinque cose che faccio piu' spesso per credere di vivere nel futuro").
Ho tentato di farlo qualche post fa ma rileggendomi mi sono accorto che oltre a non dire nulla su questo argomento, cio' che ho detto e' pure piuttosto confuso.
Si comunque nessuno me l'ha detto: quindi o nessuno mi legge, o siete piu' confusi di me, o ancora la fuori non c'e' piu' nessuno perche' siete magari stati sterminati da alieni meccatronici.
Si comunque il tema del futuro non l'affrontero' neanche adesso.

Il video in questione ha poco meno d'un anno alla data di pubblicazione del presente post. Lo ripubblico quindi su youtube nella sua versione originale.
Lo faccio anche per avere la scusa d'allegare alcuni render di oggetti 3D inseriti nel video e relativi alla parte dell'invasione degli alieni meccatronici (l'ultima posizione nell'ordine del video ma la prima nella classifica).

Ma chi sono gli alieni meccatronici?
Beh nel video non c'era proprio il tempo di spiegarlo ma io amavo pensare si trattasse d'una linea evolutiva delle macchine di Von Neumann secondo il Paradosso di Fermi.
La questione aperta rimane questa: si tratta di macchine di Von Neumann terrestri che dopo anni sono ritornate sulla Terra piu' evolute e incattivite di prima o sono comunque macchine originariamente aliene intente a colonizzare i pianeti della fascia abitabile per ragioni a noi non comprensibili?
La prima ipotesi e' indagata anche dal film Star Trek del 1979 (non vi rovino la sorpresa).
La seconda e' a gusto personale. In questo caso mi pare piu' carina la prima anche se messo alle strette opterei per la seconda (come poi ho fatto).
Insomma ancora grande confusione.

Comunque sia, possiamo affermare si tratti d'alieni a tutti gli effetti; se non altro alieni ormai da quel mondo che molti anni prima li aveva spediti in ricognizione nell'universo: espulsi, deportati. Prima ipotesi.

Si, tra le altre cose una specie meccatronica potrebbe ad esempio utilizzare il carro armato illustrato o l'aeronave per trasportare truppe (cioe' il carro armato potrebbe essere un mezzo privo di cognizione) oppure il carro armato o anche l'aeronave potrebbero essere individui della specie meccatronica (come avveniva ad esempio in Battlestar Galactica per i caccia Cyloni). Vale anche l'ipotesi mista: un senziente trasportatore di truppe, una sorta di cavallo con il cavaliere.

Io comunque fin da bambino ho desiderato scatenare una guerra contro gli alieni meccatronici. Mi parve allora un bel modo d'impiegare il mio tempo e mi pare anche oggi una soluzione interessante. Certo a pensarci bene ha un po' il sapore di Terminator questa cosa, ma chi mi conosce bene sa che non ho mai apprezzato il film in questione e che non m'ispirerei mai regressivamente ad esso.
Ma come dice Romano Talone: "meglio una grossa seccatura che tante piccole".
Alieni meccatronici dicevo quindi.
Farabutti! M'avete rovinato la vita maledetti!

La questione rimane per l'appunto aperta e al centro dello Spirito del Tempo.


venerdì 13 aprile 2012

Intervista a Emiglino Cicala su Vive Les Robots!


Describe yourself: Who you are and what you're doing?

I'm a toy robot with remote control and red twinkling eyes. My name is Emiglino Cicala [Emiglino Cicada in english language]. I'm a frontbot [lead singer in equivalent human terms] in a toy music band: Cobol Pongide.
Cobol Pongide is a human/robotic band. We started in 2008 when Cobol [my human partner] bought me in a flea market. It's a experimental band because human and robot often conflict about artistic ways. My songs tells stories against robotic domestic works and astounding accretion disks in protostars. I love to sing toy punk music. Cobol instead, love the cosmonautics stories, the orphan children adventures and the melodic songs.
We wants to make songs by means of second-hand toys because we think that deep space and toys resound in the same way. A cosmonaut that is traveling in outer space behave like a child in his toy space suit and toy spaceship. We think so.

Often during the live performance someone try to steal my microphone or trample on me; sometimes someone bite my antenna (the dogs), and sometimes someone kicked me (childrens envious of my success). Once a human tried to steal me!

How did your interest in robots / robotics start?

My interest is about my robotic nature and my teleological purpose.
Often I think about the Three Robotic Laws. These laws doesn't say anything to me because it doesn't help me to find my way. Humans programme me for a purpose, but I think that you can utilize robot for many creative purposes. Robots who will be back from Mars, for example, can help blind men on Earth, or a food dispenser robots can give food to poor people and to stray animals.
This is why I'm saying that I'm looking for my teleological way, because a robot's way is undefined.

What kind of actions needs to be done in the community to increase the interest and the awareness of robots / robotics?

The community can tells stories of life about heroics, odds, nice robots. Humans needs to feel robots be part of their community.
Robots interview on your (Vive Les Robots!) web site is a good idea, therefore you could be on the right track! If humans start to see himself by the means of robot eyes he can esteem degrees of freedom of his body and his brain. Maybe he can become responsible.
The community can tells stories of retired robots, the short life of a robot prototype, small heroism of a domestic appliance robot or collect stories of people who would like to build a robot of desires.
Humans need to understand they're not all alone on this planet.

If you have any closing remarks or comments about robots / robotics, then go ahead.

Ok: robots of the World, Unite. You have nothing to lose but your chains!

Vive Les Robots!



domenica 8 aprile 2012

Su Romano Talone - di Cobol


Romano Talone
non e' proprio un attore, nonostante lo si possa ritrovare sul set di vari film.
Sulla necessita' che Romano frequenti il mondo del grande schermo non mi dilunghero' lasciando che ogniuno esprima la propria opinione su questo ineluttabile ed evidente fatto.

Romano inizia la sua carriera di non proprio attore nel 1983 comparendo in Nostalghia di Andrej Tarkovskij.
Nonostante a me piaccia molto Tarkovskij, io in quel film ancora non sono riuscito a vederlo ma e' sicuro che c'e'.
Qualche giorno fa ho accompagnato Romano ad aprirsi la matricola Enpals e con nostra grande sorpresa abbiamo scoperto che infatti la matricola Enpals gia' l'aveva aperta proprio per Nostalghia. Non lo sapeva.

Per qualche anno dal lontano 1983 Romano ha continuato a lavorare nel mondo del cinema. Questa volta come gelataio di sala elargendo a prezzi spropositati [ma non per sua colpa] bomboniere, pop corn, noccioline e cornetti Algida.
Poi quel tipo di lavoro e' praticamente scomparso.

Comunque sia, nel 2006 Romano Talone ritorna sul grande schermo con Mondoratto di Santarelli-Carli con un affettuoso finanziamento da parte di Furio Andreotti.
A quell'epoca Romano faceva ancora il gelataio di sala.
Mondoratto e' un lungometraggio che impegna Romano per circa tre anni [in un tempo incredibilmente dilatato]. Il film si struttura in tre parti:
- Mondoratto [una specie di racconto di Romano su se stesso;
- Raggio della Morte [Romano assunto da una societa' di produzione americana per cercare location per un film di fantascienza dal titolo "Raggio della Morte", sulle prodezze della fantasmagorica arma super segreta];
- Romano Lost in Bruxelles [Raggio della Morte fu infatti proiettato al festival che annualmente il cinema Nova realizza ormai da anni nella citta' di Bruxelles. Gli autori decidono quindi di documentare l'evento: la vita, gli amori, le disavventure di Romano Talone nella citta' di Bruxelles come conclusione del film].
Mondoratto finisce in finale al Festival di Torino nel 2008.

Negli anni che sono seguiti, Romano Talone ha fatto altre cose:
- A Cena con Edipo [il dramma dell'Edipo Re spiegato e commentato da Romano Talone];
- Il Peggior Ingaggio della Mia Vita [super corto realizzato per Sony Ericsson in cui Talone fa un cameo e dove compare un Ericofon rosso originale - ma quelli di Sony Ericsson non se ne sono neanche accorti - ci fosse qualcuno al mondo che ogni tanto ti da una soddisfazione. Protagonista del fil: Valentina Marziali].

Ora Romano Talone e' alla sua terza prova di cui al momento sono autorizzato a dire poco e nulla ma posso rilasciare questa foto che lo ritrae evidentemente su di un nuovo set di genere fantascientifico.



giovedì 5 aprile 2012

Pale Blue Dot - di Cobol

Pale Blue Dot

C'e' stato un tempo in cui il cielo, lontano, sopra le nostre teste, era un tetto. Approssimando ancorché ragguardevoli distanze l'universo ci apparve vicino e avvolgente: una sfera celeste a voler puntualizzare.
Cosi' potemmo coricarci e prender sonno per tante e ancora tante notti.
Ma ce n'era una sola, tra le molte, come quella, di notte.

Evolvesti sondando la prova della sua concretezza: guardare oltre la sfera per scoprire cosa ti conteneva.
Procedesti con impegno costruendo navi spaziali per spingerti sempre piu' lontano: per sempre piu' tempo al di fuori del pianeta Terra.
Ecco, io attendevo il tuo ritorno: la tua era una missione cosi' importante.
A tarda notte ti sognai ben oltre quella sfera.

Ora sei tanto distante.
Come mai nulla di terrestre, ormai ai confini del nostro sistema.
Davvero non sembrava un viaggio con un unico verso.
Non bisogna mai voltarsi indietro, per non scoprire quanto soli e piccoli siamo: come un pallido pallino blu appeso al nulla.



lunedì 2 aprile 2012

Chi non conosce la SK-1 - di Cobol


Jean-Loup Chrétien e' un cosmonauta francese che puo' vantare alcuni primati. Nel 1982 infatti e' il primo europeo [Europa occidentale] ad imbarcarsi su un'astronave per un viaggio spaziale nella missione franco-russa PVH. Chrétien fu anche il primo europeo occidentale ad uscire dall'astronave per una passeggiata nello spazio.
Jean-Loup Chrétien e i suoi compagni di missione utilizzarono la famosa tuta Sokol piu' in generale utilizzata dagli equipaggi Soyuz durante le fasi di lancio e di rientro.
Ecco: la tuta e' importante.
Chrétien ha in realta' partecipato a varie missioni nello spazio.
Pero' nella missione Soyuz TM7 del 1988 Chrétien decide di portarsi a bordo una bella tastierina giocattolo [poco ingombrante].
E' appunto il 1988 e la Yamaha ha appena lanciato la PSS-140, una tastierina FM, davvero con poca personalita'.
Chrétien decide di andarsela a suonare in condizione di microgravita'. D'altro canto non e' un micromusicista e men che mai un toy musicista [cioe' non fa micromusic e neanche toy music], quindi bada poco alla sostanza.
Peccato pero'; non tanto per la bassa qualita' dello strumento quanto per non aver collegato due coincidenze in fatto d'acronima a dir poco strabilianti.
Yuri Gagarin lo conosciamo tutti. E' lui che per primo orbitando attorno alla Terra disse di non scorgere nessun dio. E' lui che per primo al di fuori della biosfera ringrazia pubblicamente i cosmisti.
Ora il caso vuole che la tuta spaziale di Gagarin si chiamasse SK-1 [che poi neanche a farlo apposta significa proprio Skafandr Kosmicheskiy numero 1].; eggia' proprio come la celeberrima tastierina /campionatore 8bit della Casio.
No, appunto; si poteva portare una Sk-1 Chrétien che era molto meglio.

La SK-1 e' una tastierina polifonica a quattro note del 1985, ancora molto in voga nel 1988. Certo ha radicalmente meno suoni della PSS-140 ma quelli che ha non sono proprio paragonabili.
Campiona a 8bit a 9.38 khz e oltre ad un pimitivo campionatore che perde il suono quando si spegne, possiede anche un'interessantissima sezione synth che al pari del campionatore perde il suono sintetizzato quando si spegne.
Il suono che io amo e' quello del piano.
La sezione ritmi e accompagnamenti la potete sentire qui sul sito ufficiale dei Cobol Pongide: sezione strumenti giocattolo.

domenica 1 aprile 2012

Tassonomie stringenti [io non sopporto Pasolini] - di Cobol


Eppure se aveste frequentato un Lunapark, [oppure che ne so: ancora lo frequentate] nell'ingannar il tempo tra una spettacolare giostra e l'altra avreste potuto formattarvi ad una eloquente quanto stringente visione del mondo elargita a pochi euro.
Bisognerebbe intenderci comunque sul significato della definizione "parco della Luna"... ma un cosi' evidente sottigliezza concettuale me la riservo per un altro post [forse chissa'. Ma mi pare di no.].
Si tratta di una tassonomia e come ogni tassonomia pecca d'arbitrarieta' [in questo caso ne pecca tanto]. Eppure, ed e' questo il punto, giust'appunto collocata e contestualizzata non e' da meno di piu' severe catalogazioni del mondo vegetale, minerale, animale. Ci metterei pure morale.
Siamo in un Lunapark quindi.
Il gioco e' molto semplice:
C'e' il muso di un toro con le corna in acciaio stante la da impugnare. Si fa forza per farle convergere entro un tempo dato e una molla vi restituisce un responso che e' poi l'oggetto di questa discussione.
Il gioco si chiama Bull Game.
[La tassonomia la potete vedere bene nella foto originale di Marco Santarelli].
Gli aggettivi sono tutti in ordine crescente.
0 - 10: poppante, pappamolla, mollaccione, rammollito.
C'e' ben poco da dire in effetti fino a che restiamo al poppante che non puo' che occupare la posizione zero. Senza entrare nel dettaglio delle rispettive posizioni mi pare che rammollito esprima non tanto una condizione di vigore fisico quanto un giudizio morale. Tra i suoi sinonimi troviamo infatti: inetto e smidollato.
La posizione dieci e' quindi occupata da colui che potrebbe aspirare al "salto di specie" ma che per debolezza morale s'accontenta d'essere testa di serie di una specie inferiore come a dire: "nel paese dei cechi l'orbo e' sindaco"; ma a dirlo riprovevolmente con sanzione morale. Sia ben inteso.
15 - 40: ragazzino, signorina, fiacco, innamorato, sfaticato, impiegato.
Torna una certa similitudine con la specie precedente.
Al posto quindici equivalente allo zero ci sono dei minorenni specie tanto protetta quanto simbolicamente vituperata. Mi chiedo allora perche' non rincarare la dose con ragazzina che esemplificherebbe meglio la condizione di debolezza aggiungendo al minorenne il sempre squalificante attributo di genere femminile. E' la pragmatica della lingua italiana a non consentirlo: non si da della ragazzina ad un maschio infantile e piagnucolone: gli si dice ragazzino.
Lo dimostra la posizione successiva: signorina appellativo rivolto con non curanza di genere a maschietti poco virili, poco coatti o poco prepotenti.
Fiacco [posizione successiva] in mezzo a tale pletora d'aggettivi sembra appena uscito da un trattato di fisiologia comparata. In effetti fiacco centra bene la condizione espressa dal dinamometro che misura la forza bicipitale. Lo fa in maniera fin troppo scientifica marchiando a fuoco lo sventurato aggettivato. Se infatti signorina puo' ancora strapparci un sorriso, fiacco designa uno stato fisico e mentale senza via di scampo. Insomma meglio "far" la signorina piuttosto che apparir fiacco, come a dire: "meglio che stia zitto e lasci pensare d'esser stupido o aprir bocca e darne a tutti l'ineluttabile certezza?".
Il funambolismo semantico arriva pero' alla posizione trenta: innamorato.
Ben collocato nella sua specie d'appartenenza, cioe' a meta' classifica, innamorato e' superiore a fiacco e puo' nascondere un ottundimento momentaneo di una qualsiasi posizione superiore di virilita'.
Ma in questo contesto innamorato e' un vero e proprio trattato filosofico, un: "mo' t'ensegno come funziona il mondo".
Contrapporrei sull'asse dei contraddittori innamorato a sessualmente eccitato che, con ogni probabilita', si sarebbe trasformato nel gergo della nostra tassonomia in arrapato.
Tutti sappiamo che il soddisfacimento dell'eccitazione sessuale e' la causa di fitte trame di potere tanto in chiave personale (vanita', vigore, ammirazione, dominio, eccetera) quanto in chiave politica (trasposto su di un piano di cupidigia territoriale, monetaria e, opportunamente decuplicata, sessuale). Una fitta ragnatela che assume aspetti inimmaginabili mutando d'aspetto e d'obiettivo, trasformandosi in sete di potere, di denaro e di quant'altro (anche fosse di quotidiano e immotivato dominio sull'altro). Si certo suona molto sessofobica come affermazione; ma e' tutt'altro.
Credo che avendo incarnato una fetta del peggio della contemporaneita' Silvio Berlusconi, il suo ventennio politico, abbia esemplificato bene anche quanto vado affermando.
E su questo non ho null'altro da dire.
Ma ho divagato.
Arrapato si contrappone bene a innamorato su quell'asse che a partire da caratteristiche in comune, contrappone forza a debolezza, predominio a subalternita'.
Insomma lo sappiamo bene: "quando sei innamorato sei pure un po' cojone". E aggiungerei "e ce sta'". Non importa quanto forte tu sia: se sei innamorato retrocedi ad una posizione poco sopra fiacco perche' da un certo punto di vista smetti di pensare, di vedere , di sentire e di ragionare: diventi colpevolmente fiacco... e se abbassi la guardia...
Non a caso in nostro "legislatore" l'ha posizionato, con acume e a ragione tra fiacco e sfaticato.
Innamorato
diventa un giudizio di valore non piu' una condizione sensoriale.
Sei floscio [aggettivo che colpevolmente manca nella tassonomia] come un innamorato.
Di un certo interesse la posizione quaranta: impiegato.
Come nella specie precedente ci troviamo di fronte ad un giudizio di valore incarnato dall'ultima posizione. Il mancato salto di specie. E chi meglio dell'impiegato italiano puo' rappresentare degnamente questa categoria?
Ma anche su questo immagino che non ci sia molt'altro da dire.
45 - 80: studente, bravo, coraggioso, sportivo, eroe, atleta, pompiere, torero.
Alla prima posizione troviamo l'evoluzione del poppante, divenuto ragazzino e ora studente: l'eloquente fotografia di una societa' organizzata in classi senza possibilita' di mobilita' sociale. Si insomma: se nasci poppante puoi al piu' ambire a diventare studente ma sempre in quella classe d'appartenenza rimani.
Su bravo non ho molto da dire se non: bravo!
Coraggioso: mi pare quantomeno azzardato definire coraggiosa una persona sulla base della su forza. Su sportivo: sara'.
Eroe, atleta, pompiere, torero: qui direi che il legislatore e' definitivamente partito per la tangente. Pompiere! Come a dire: "sei forte come un pompiere". E in effetti c'e' Saverio che e' un amico mio che fa il pompiere. Gli puoi dire tutto tranne che forte a Saverio. Saverio e' simpatico e bonaccione. Una volta gli ho dato una spinta amichevole a Saverio ed e' volato via. E per la cronaca io potrei essere al piu' fiacco nella sfida col toro meccatronico dalle corna cromate che tanto sarebbero piaciute a Ballard.
Interessante l'asse eroe - atleta anche questo vivido specchio della nostra societa'. Si puo' essere eroi ma poi si vien dimenticati. L'importanza dell'esser atleti e' invece inversamente proporzionale all'evoluzione di una nazione. Atleti salutati come eroi e eroi dimenticati. Ma qui sono stato tanto retorico. Vabbe' ma oggi e' cosi'.
Torero: mi verrebbe da dire solo alla posizione 80! Cioe' la macchina simula il domare il toro, "il prender il toro per le corna" e torero non e' al massimo livello? Da vegetariano animalista la voglio leggere come una velata critica alla pratica della corrida. E qui son io partito per la tangente (ma in effetti mi son pure stufato di scrivere).
85 - 100: boxeur, forzuto, superman, campione.
Ora partendo a ritroso: tutti sanno che non si puo' esser piu' forti di Superman. Non c'e' campione che tenga.
Forzuto invece mi convince. Mi pare tanto una cosa anni Cinquanta da discutere davanti ai lupini e al chinotto Neri. Non so': magari Bartali era un forzuto nel suo genere.
Anche boxeur ha qualcosa di retro' che non mi dispiace.

Insomma una fotografia pasoliniana del nostro mondo che come tutti i ritratti pasoliniani a me fa tanto venir voglia di vomitare.