giovedì 23 marzo 2017

UfoCiclismo: perché quello esoplanetario è cibo vegetariano o (meglio ancora) vegan?

L'attitudine al contatto è, per definizione, prioritariamente un'attitudine: un modo d'essere. I modi d'essere s'esprimono attraverso le pratiche e quelle "non violente" praticate dal vegetarianesimo e dal veganesimo si armonizzano con l'attitudine al contatto verso qualsiasi essere vivente (ad esclusione forse degli esseri "senzienti" vegetali) non visti come fonte energetica (cibo) ma come interlocutori e se possibile come alleati.
Per questa ragione un ufologo, un UfoCiclista o chiunque aspiri alla trasformazione dei rapporti tra viventi dovrebbe prioritariamente smettere di cibarsi di esseri a lui prossimi.
Qui sul pianeta Terra, ad esempio, il cibarsi di animali resta ancora il presupposto della violenza dell'umano su se stesso e nessun mutamento sostanziale potrà avvenire senza una tale presa di coscienza.
Ma al di la delle scelte praticate in privato dal singolo UfoCiclista, è P. K. Dick a spiegarci perché la ricognizione UfoCiclista, che termina con il "banchetto esoplanetario di benvenuto", deve avere necessariamente un carattere vegan/vegetariano:
"Mezz'ora più tardi, una moltitudine di organismi senzienti riempiva la sala riunioni. Joe, guardando quell'enorme varietà di forme di vita, si rese conto che sulla Terra si era cibato di alcune di esse.".
  

Nessun commento:

Posta un commento